ADR

Chi deve applicare la normativa ADR?

Chiunque carichi, trasporti, faccia trasportare e scarichi (le imprese che si limitano a scaricare le merci pericolose alla loro destinazione finale sono esentate) materie pericolose appartenenti ad una delle tredici classi ADR è tenuto ad applicare almeno alcune prescrizioni (anche in regime di esenzione assoluta: iscrizioni sugli imballaggi e tipologia d’imballaggio).

Esistono delle esenzione che limitano parzialmente o pressochè totalmente l’applicazione della normativa, tra le altre:

  • l’esenzione per Quantità trasportate per unità di trasporto (1.1.3.6 ADR),
  • l’esenzione per merci imballate in Quantità Limitate (1.1.3.4 ADR),
  • e l’esenzione per merci imballate in Quantità Esenti (3.5 ADR).

​Il primo tipo di esenzione considera i quantitativi presenti sulle unità di trasporto (veicoli); mentre il secondo ed il terzo, che esonerano quasi completamente dall’applicazione della normativa, eccezion fatta per le etichette specifiche e le prescrizioni generali riguardanti gli imballaggi (che comunque non devono necessariamente essere “omologati”), si applicano in relazione alle capacità dell’imballaggio interno e al peso/quantità massima per collo (imballaggio combinato o vassoio con termoretraibile per la sola Quantità Limitata).

Per entrare nel dettaglio dei tre tipi di esenzione consultate la sezione del nostro sito dedicata al trasporto delle merci pericolose.

Materie in ADR: numero UN e classi

La chiave di ingresso per l’applicazione dell’ADR é la classificazione delle materie.

Queste risultano, anzitutto, “codificate” con un numero UN (seguito da quattro cifre) che le caratterizza univocamente come sostanze, gruppi di sostanze o rubriche collettive.

Tutte le materie in ADR (con il loro numero UN) sono inoltre suddivise in classi:

  • Classe 1: Materie e oggetti esplosivi (ADR 2.2.1)
  • Classe 2: Gas (ADR 2.2.2)
  • Classe 3: Liquidi infiammabili (ADR 2.2.3)
  • Classe 4.1: Solidi infiammabili, materie autoreattive ed esplosivi solidi desensibilizzati (ADR 2.2.41)
  • Classe 4.2: Materie soggette ad accensione spontanea (ADR 2.2.42)
  • Classe 4.3: Materie che a contatto con l’acqua sviluppano gas infiammabili (ADR 2.2.43)
  • Classe 5.1: Materie comburenti (ADR 2.2.51)
  • Classe 5.2: Perossidi organici (ADR 2.2.52)
  • Classe 6.1: Materie tossiche (ADR 2.2.61)
  • Classe 6.2: Materie infettanti (ADR 2.2.62)
  • Classe 7: Materiali radioattivi (ADR 2.2.7)
  • Classe 8: Materie corrosive (ADR 2.2.8)
  • Classe 9: Materie ed oggetti pericolosi diversi (ADR 2.2.9)

Il primo passo per capire quali sono gli adempimenti necessari per la gestione ADR di una determinata materia é quello di identificarne il corrispondente numero UN e la classe di appartenenza.

Il servizio di consulenza ADR di EPA Soluzioni comprende:

  • Assunzione dell’incarico di Consulente per il trasporto delle merci pericolose
  • Classificazione delle materie in rapporto alla normativa
  • Definizione e controllo dell’idoneità degli imballaggi
  • Definizione e controllo etichettatura ed iscrizioni sugli imballaggi e sui colli
  • Esame della documentazione ADR
  • Controllo idoneità dei veicoli
  • Applicabilità dell’esenzione totale o parziale ai sensi dei paragrafi 1.1.3.4 e 1.1.3.6
  • Formazione del personale interessato
  • Redazione della Relazione annuale
  • Aggiornamento normativo
  • Stesura relazioni relative a incidenti
  • Controllo e aggiornamento delle procedure operative in atto e stesura di eventuali procedure mancanti, aventi come oggetto il carico e lo scarico, la formazione del personale, il controllo dell’ adeguatezza delle unità di trasporto, dell’autista, della documentazione e la gestione delle emergenze
  • eventuale integrazione di sistemi ambiente /sicurezza/qualità (UNI EN ISO 14001:2004, UNI EN ISO 18001:2007, UNI EN ISO 9001:2008) con procedure relative al trasporto.

I tecnici di EPA Soluzioni S.r.l. sono anche in grado di organizzare corsi di formazione “tagliati sul cliente” per adempiere a quanto prescritto dalla normativa al paragrafo 1.3 Formazione delle persone addette al trasporto delle merci pericolose e al paragrafo 1.10.2 Formazione in materia di sicurezza.